Ogni volta che si incontrava Giovanni Paolo II si aveva la sensazione che stesse accadendo qualcosa di importante; aveva una solennità immediatamente percepibile. Ma del Papa polacco non si è ancora riconosciuto tutto il valore: A esprimere queste opinioni è il rabbino Jack Bemporad, 78 anni, una vita spesa a promuovere la mutua comprensione fra le religioni. Bemporad è ed è stato un importante interlocutore per i rapporti con la Chiesa: Lei ha incontrato Giovanni Paolo II numerose volte, fra le quali a Denver, incontri papa ed ebreie in Vaticano, nelquando i vostri colloqui ebbero come tema la visione degli ebrei nel catechismo cattolico. Inoltre ha guidato una nutrita delegazione di rabbini e leader religiosi che si sono recati a far visita al Papa poco tempo prima della sua morte. Che ricordi conserva di quegli incontri? Forse la prima sensazione che si aveva quando si incontrava personalmente Giovanni Paolo II era la percezione della sua solennità. Un elemento che si rendeva immediatamente manifesto e che ti faceva sentire che stava accadendo qualcosa di importante. Allo stesso tempo, trasparivano la sua profonda umanità e il suo amore; sentivi che lui era interessato a te e a cosa stavi facendo, alla questione che ti stava a cuore in quel momento. A Denver, il mio incontro con lui poté aver luogo solo tardi nella giornata, dal momento che era stato programmato dopo i molti colloqui e conferenze nei quali fu impegnato: L'incontro in Vaticano fu invece molto più teoretico e teologico. Quello che rimaneva impresso dopo questi e altri colloqui era la completa dedizione del Papa a costruire un mondo migliore per tutti gli incontri papa ed ebrei umani, il suo impegno per un dialogo nel quale si potesse essere conformi alla propria fede senza offendere la fede degli altri, e anche la consapevolezza di come fosse difficile e serio questo lavoro.

Incontri papa ed ebrei Articolo precedente

Quale modo migliore poteva esserci se non entrare nella Sinagoga di Roma e abbracciare il rabbino Toaff davanti al mondo intero? Londra e New york, Dimostrano che le popolazioni ebraiche tendono a formare gruppi correlati relativamente stretti in comunità indipendenti, con la maggior parte di una comunità che condivide una considerevole ascendenza in comune. A ciascuna di queste fa capo una circoscrizione territoriale che comprende anche piccole Comunità o semplici nuclei che, per la loro esiguità, non possono costituire una Comunità organizzata a sé stante. URL consultato il 28 febbraio Vediamo soltanto frammenti e ci sbagliamo se vogliamo farci giudici di Dio e della storia. Questo compito spetta a tutte le religioni del mondo. Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra. Behar e et al. Come risultato della loro emigrazione dall'Europa, gli ashkenazim rappresentano anche la stragrande maggioranza degli ebrei nei continenti del Nuovo Mondo , in paesi come gli Stati Uniti , Canada , Argentina , Australia e Brasile. Inoltre si fa distinzione tra gli emigranti sefarditi che si stabilirono in Medio Oriente e Nord Africa a seguito della notoria espulsione in massa degli ebrei dalla penisola iberica del , e le comunità ebraiche preesistenti in quelle regioni. Un evento come questa visita alla Comunità ebraica di Roma certamente serve a consolidare ancora di più i rapporti e a dare forti segnali visibili in questo senso.

Incontri papa ed ebrei

Oct 25,  · Portobuffolè, 21 ottobre La parrocchia di Portobuffolè ha proposto anche quest'anno un momento di conoscenza reciproca tra ebrei e cristiani. In occasione di tale anniversario papa Bergoglio già si era soffermato sul rapporto con gli ebrei: «Una speciale gratitudine a Dio merita la vera e propria trasformazione che ha avuto in questi 50 anni il rapporto tra cristiani ed ebrei. May 27,  · Dopo la visita al memoriale dello Yad Vashem, nel Centro Heichal Shlomo, nei pressi della Grande sinagoga di Gerusalemme, il Papa ha incontrato i due Grandi. Secondo altri studi storici ed etnologici invece gli ebrei contemporanei discenderebbero solo in minima parte dagli antichi ebrei, La presenza ebraica nella cultura italiana ed europea, Quaderni degli Incontri Internazionali "Diego Fabbri", Tipolitografia Valbonesi, Forlì

Incontri papa ed ebrei